Notificazione degli atti giudiziari solo con l’Ente poste

In tema di notificazione degli atti giudiziari, quando il legislatore prescrive, ai fini della corretta esecuzione della notificazione, il ricorso alla “raccomandata con ricevuta di ritorno”, non può che riferirsi al servizio postale universale offerto dall’Ente poste su tutto il territorio nazionale. La conseguenza è che, qualora tale adempimento sia affidato ad un’agenzia privata di recapito, risulta violata la formalità prevista dall’art.140 c.p.c. e non può ritenersi correttamente perfezionato il procedimento notificatorio.”

Scarica il file pdf dell’articolo

Continua su Euroconference News

Inerenza “superflua” per la deducibilità degli interessi passivi

Con la recente sentenza n. 6204/15, depositata il 27 marzo 2015, la Corte di Cassazione torna
ad esprimersi sul principio di inerenza in tema di deducibilità degli interessi passivi,
consolidando l’interpretazione molto “permissiva” manifestata in altre pronunce (cfr. Cass.
n.14702/2001, n.22034/2006, n.9380/2009, n.12246/2010 e n.21467/2014).”

Scarica il file pdf dell’articolo

Continua su Euroconference News

IL “nuovo” reclamo dopo la Legge di Stabilità

La mediazione tributaria subisce significative modifiche per effetto delle novità introdotte
dalla Legge di Stabilità. Non si può parlare di drastiche riforme, certo, ma i punti (più o meno)
fermi che interessano la disciplina del reclamo e della mediazione di cui all’art. 17-bis del D.
Lgs. n. 546/1992 vanno senz’altro accolti con un certo favore.
Le novità, in particolare, riguardano:”

Scarica il file pdf dell’articolo

Continua su Euroconference News