Decreto Legge cosiddetto “RILANCIO” – Parte II: Sospensione delle cartelle, degli Avvisi di addebito INPS e della Rottamazione-TER

CIRCOLARE N. 29/2020

25/05/2020

di Enrico Ferra

Scarica il file PDF della circolare

Con la presente Circolare lo Studio presenta le ulteriori novità in materia di sospensione dei termini di versamento dei ruoli affidati all’Agente della Riscossione, con particolare riguardo alle cartelle di pagamento e agli avvisi di addebito dell’Inps e alla rottamazione-ter.

  1. Sospensione delle cartelle e degli avvisi di addebito Inps

L’art. 154 del “decreto rilancio” estende la sospensione dei termini dei versamenti in scadenza dall’8 marzo al 31 agosto 2020 derivanti da cartelle emesse dagli agenti della riscossione, da accertamenti esecutivi delle Entrate, da avvisi di addebito dell’Inps, da atti di accertamento emessi dalle Dogane e da atti esecutivi emessi dagli enti locali.

In origine, la sospensione era prevista dall’8 marzo al 31 maggio 2020 e il pagamento doveva essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020.

Per effetto delle modifiche in commento gli atti di cui sopra, in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 agosto 2020, dovranno essere pagati, in un’unica soluzione, entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione e, quindi, entro il 30 settembre 2020.

Pertanto, ad esempio, una cartella notificata nel mese di febbraio 2020, i cui termini di versamento (60 giorni dalla notifica) sono scaduti ordinariamente nel mese di aprile 2020, può essere pagata senza maggiorazioni entro il 30 settembre 2020.

Una conseguenza della sospensione è il temporaneo “blocco” dell’attività di notifica delle cartelle nel periodo di sospensione.

Una conferma di ciò è contenuta nella sezione dedicata al decreto sul sito istituzionale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione, dove l’Agenzia chiarisce che nel periodo di sospensione l’attività di notifica delle cartelle è sospesa.

  1. Sospensione dei piani di dilazione

Sebbene la norma non ne parli espressamente, si ritiene che la sospensione operi anche in relazione alle rate da dilazione dei ruoli in corso (in particolare cartelle di pagamento ed avvisi di addebito Inps).

Conseguentemente, il pagamento delle rate dei piani di dilazione in corso in scadenza dall’8 marzo al 31 agosto 2020 dovrebbe ritenersi sospeso fino a tale ultima data, con l’obbligo di versamento del totale importo non pagato entro il 30 settembre 2020.

  1. Differimento del termine di versamento delle rate da “rottamazione-ter”

L’ultima novità oggetto della presente Circolare riguarda il differimento al 10 dicembre 2020 di tutte le rate in scadenza nel 2020 relative alla definizione agevolata delle cartelle (rottamazione-ter).

La norma su questo punto prevede espressamente che il mancato ovvero tardivo versamento, alle relative scadenze, delle rate da corrispondere nell’anno 2020 non determina l’inefficacia della procedura di definizione agevolata se il debitore effettua l’integrale versamento entro il 10 dicembre 2020.

Con riferimento alla rottamazione-ter dovrebbe trattarsi, in sostanza, delle rate in scadenza al 31/05/2020, 31/07/2020 e 30/11/2020, che quindi potranno essere pagate (integralmente) entro la suddetta data del 10 dicembre.

 


CIRCOLARI

Scopri di più

PUBBLICAZIONI

Scopri di più